Se fossi un troiano, sarei Cassandra. Chi se ne frega degli eroi esagitati con tutte le loro fisime da Dei convinti che ostentano sapere, volere e tenacia? Sai che noia! Io voglio la resa davanti all’evidenza. Il miracolo senza cui non si puo’ stare. Io voglio un altare di pietra e pelli di bestie scannate. Conciate. E grezza, la lana, voglio intorno al collo. Voglio i velli e i confini del non ritorno. Voglio crescere come l’edera sui muri, voglio improvvisamente comparire. Come la bellezza sa fare, come tutti fingono di capire. Hai davanti quattro carte questa notte, ognuna e’ un destino. Ci sono quattro tarli diversi, c’e’ il fuoco del camino e Cassandra si piega in avanti e sorride allungando la mano. Prende dal tavolo un foglio di carta e i colori, e saluta con lo sguardo distratto. S’affaccia sospesa sul pozzo, infinito. Socchiude le labbra, non ha piu’ saliva. E qualcosa le parla, e’ una voce, sicuro, ma bisognerebbe provare. Qualcuno crede che attinga, mentre lei strilla, perche’ e’ la sua stessa vita a farle cosi’ tanto male. E nessuno la stima. Nessuno le dà retta. Nessuno le bacia la bocca rossa come la terra. Nessuno la trapassa senza lasciare impressioni, niente l’attraversa abbastanza in fretta. Cassandra ha gli occhi svelti che accolgono il tempo, e la neve e la legna e i turbini grigi sulla sciarpa, prima ancora che arrivi l’inverno.

Leave me alone, Cassandra


(immagine di copertina: Francesca Anita Modotti)

giovedì 23 agosto 2012

N.A.P. - NON ABBIATE PAURA


("Anthropologie", immagine Danse Macabre)



Insieme al vento passa anche il silenzio. E' scritto chiaramente, sulle linee della mano. Insieme al silenzio se ne va via il ricordo. Ne sento l'eco lontana, il rimbombo. Ma non ho sognato di bussare alla vostra porta. Fu, accadde, capito' davvero e nel mondo reale. Cionondimeno e' sbiadendo, oggi, che vi sorrido da foreste lontane e senza nulla da mettervi in conto, senza niente che mi rimanga sul gozzo.
...qualche bacio schioccato, qualche nuvola nera farcita di grandine e pioggia, un tenue slancio a cavallo del raggio di sole...
So bene che la strada e' impervia, in salita o conduce a spaventosi strapiombi. Ognuno fa i conti con le proprie direzioni. Agli occhi miei, i posti in cui state adesso, sono tutti buoni.

40 commenti:

  1. Risposte
    1. si, stanno tutti tra le lavande :)

      Elimina
  2. Quanto è vero..insieme al vento passa anche il silenzio, e insieme al silenzio se ne va via il ricordo..mi hai fatta commuovere con questo post. Non so che cavolo mi succede in questo periodo, ma ogni pretesto è buono per buttar fuori qualche lacrima..mi piacerebbe trovarmi lì, proprio in quel campo di lavanda..così, con quel contrasto di colori, con le nuvole che minacciano il temporale, e io vorrei essere li, distesa, e vorei bagnarmi..vorrei respirare la pioggia..
    Ti lascio questa..buona giornata :) ..http://www.youtube.com/watch?v=dnJH1KqYI_A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "guarda che precisione la mia rotta di collisione con il mondo" :)

      Elimina
    2. Bella vero ??? Cazzo, mi sento proprio così !

      Elimina
    3. approfitta per scrivere! o fai un bel giro senza meta. insomma, approfitta... :)

      Elimina
    4. Comunicazione di servizio..per oggi credo di aver smesso di precipitare..:) Mi sento meglio !
      Bacio !

      Elimina
    5. Almeno credo..perchè è un periodo che cambio umore da un momento all'altro..vedi cosa significa avere tante personalità ?? ;)

      Elimina
    6. "e vado su su su e vado giu' giu' giu'" :P

      Elimina
  3. sembra quasi la quiete tra una tempesta e l'altra "prima ancora che arrivi l'inverno"___ ^_^

    RispondiElimina
  4. Ricordi silenti ed evanescenti. Dimenticanza reciproca.
    (Le nuvole nere farcite di grandine e pioggia sono sempre precedute da un rumoroso silenzio. Un attimo prima del fragore).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lasciarsi andare, congedarsi dai fantasmi, non imprigionare nessuno in un immobile inesistente. e poi si... che scenda pure la grandine condita a lampi...

      Elimina
    2. e infine arrivi il sole a squarciare le nuvole...

      Elimina
    3. ah si? magari dopo 40 giorni e 40 notti? :) guarda Noe@... che accada pure tutto cio' che deve accadere.

      Elimina
    4. Mi sa che il mio diluvio personale (per 40 giorni e 40 notti) l'ho già avuto. Passerei a 'sto giro. Però se fossi Noè un posticino per te vicino ai caproni lo troverei senza dubbio :)

      Elimina
    5. da te mi sarei aspettato piu' un posto affianco agli asini....

      Elimina
    6. Sono stata dibattuta in effetti, ma alla fine ho scelto il capro :)

      Elimina
    7. occhio alle corna... (...ops... scusa, non si parla d'acqua in casa dell'annegato...)

      Elimina
    8. A parte che le corna ce le hai tu (capro) :) e trovo che ti donino pure :) ... ti ricordo che dovresti essere su un'arca che pretende di salvarti non di annegarti (nè a te, nè a me) :D

      Elimina
    9. dai su smettila e togliti sta' barba finta...

      Elimina
  5. ventata d'aria pulita, leggendoti.

    grazie :)

    OV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego :) sapro' sporcare bene tutto con il prossimo numero di Esperita, tranquilla... ;)

      Elimina
    2. Non vedo l'ora! :P

      OV

      Elimina
    3. e ce lo so... 'na bella boccata di psicopatologia... altro che aria pulita!

      Elimina
  6. ai tuoi genitori?
    è disarmante.

    marianna

    RispondiElimina
  7. e invece a me il silenzio evoca i ricordi...Ultimamente il silenzio l'ho evocato spesso..l'ho sentito così forte a L'Aquila che mi ha bloccato..Ecco,forse lì,potrebbe col tempo,cancellare via i ricordi..dove un tempo c'erano voci ora c'è solo lo scricchiolio delle travi dei puntellamenti...Bello il campo di lavanda...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. col tempo i ricordi diventano archeologia... :) (L?Aquila... brivido)

      Elimina
    2. ..mannò..basta spolverarli di tanto in tanto....

      Elimina
    3. ...come i ciocchi degli etruschi :P

      Elimina
  8. Però chissà cosa si vede da quel dirupo, una vastità forse, o un "orrido" interminabile ed attraente nella sua perduta profondità. Amo il vento, domina la mia città, porta via le nebbie della mente per travolgerla e sconvolgerla.
    Ti mando un bacio silenzioso Cassandra mentre fuori tira uno scirocco maledetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cassandra dice che se lo ricorda bene lo scirocco...

      Elimina
  9. "i posti dove state adesso sono tutti buoni..." ...per precipitare...

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. grande Luisa, t'e' arrivata la mail? il mondo sarebbe un posto migliore se tu togliessi i codici che si frappongono, sul tuo blog, tra il desiderio di commentare e la possibilita' di farlo... :)

      Elimina
  11. ahahhahaha...sì, letto e tolto...non sapevo nemmeno che fossero impostati...sti blog moderni..ufff...
    ;-)))

    RispondiElimina